Whiteam ottiene nuovo brevetto

Da sempre pronta a raccogliere nuove sfide, Whiteam ha recentemente messo a punto un ombrellone da esterni completo di impianto di climatizzazione integrato, di cui ha ottenuto il brevetto

L’idea nasce qualche anno fa a seguito di alcuni scambi di idee con l’amico Jacques Gandini - che attualmente cura la commercializzazione del prodotto -  attivo nel settore della climatizzazione in Medio Oriente. L'obbiettivo era quello di utilizzare meglio i dehors dei locali presenti nelle città degli U.A.E., realizzando degli ombrelloni che, oltre a riparare dal sole, potessero creare un microclima fresco e deumidificato al di sotto di essi. 

Il progetto presentava alcune sfide interessanti, che andavano ben oltre le problematiche che si incontrano solitamente nella realizzazione di macchine basate sul circuito frigorifero. Innanzitutto ombrellone doveva esserlo a tutti gli effetti, compreso ovviamente il consueto meccanismo di apertura e chiusura. Doveva avere un’estetica moderna e accattivante ed essere quanto più silenzioso possibile. Punto centrale rimaneva il contenimento della dispersione della “bolla” di aria fredda e asciutta che si creava sotto il cappello. 

Dopo due anni di sperimentazioni e la realizzazione di tre prototipi, dalla scorsa primavera l’ombrellone climatizzato versione 1.0 è una realtà, esposto sulla terrazza del Teatro Salieri a Legnago e all’Hotel Villa Bartolomea.

Piccola soddisfazione è stata un’intervista con tanto di  passaggio televisivo rilasciata ad una nota testata locale. 

Due esemplari nel frattempo sono partiti alla volta di Doha, per iniziare la commercializzazione in quell’area di destinazione del prodotto, che rimane uno degli obiettivi significativi. 

Attualmente, è in field-test la funzionalità in pompa di calore, che renderà fruibile l’apparecchiatura nella stagione invernale. Con questo nuova versione infatti, il sistema diventa un’alternativa al classico fungo riscaldante a gas.  

Inoltre è allo studio un innovativo sistema di alimentazione 100% green, basato su celle solari flessibili e integrate nel tessuto di copertura che permetteranno, oltre alla totale ecocompatibilità, il funzionamento completamente off-grid.